Tabella comparativa migliori prodotti

1
2
3
4
5
Prodotto
Proiettore Elephas Portatile da 4000 lumen,Lamp...
Proiettore APEMAN 3500 Lumen Mini Portatile Vid...
Proiettore QKK, Mini Proiettore con Custodia Po...
DR.Q Proiettore a 2600 Lux, Mini Proiettore, 50...
Portatile Proiettore OTHA Mini Proiettori Porta...
Immagine
Proiettore Elephas Portatile da 4000 lumen,Lampada con Durata di 50000 Ore, Proiettore Video a LED, Supporta il Video 1080P, Compatibile con Ingressi USB/HD/SD/AV/VGA per Home Theater
Proiettore APEMAN 3500 Lumen Mini Portatile Videoproiettore con Doppio Speaker Durata del LED fino a 50000 Ore di Cinema Domestico Compatibile con 1080P HDMI USB VGA SD Supporto Android IOS TV Box
Proiettore QKK, Mini Proiettore con Custodia Portatile, 2500 Lux Video Proiettore Supporta 1080P Full HD, Compatibile con PC Smartphone Tablet HDMI VGA AV USB SD, Bianco.
DR.Q Proiettore a 2600 Lux, Mini Proiettore, 50000 ore, il Videoproiettore supporta 1080P, Collegamento con Chiavetta USB per TV HDMI VGA AV TF, con Cavo HDMI e AV, Bianco.
Portatile Proiettore OTHA Mini Proiettori Portatili Android 7.1 OS da HDMI WiFi Bluetooth Digital Palmare Smartphone Home Theater
Voto Finale
9.4/10
9.2/10
9/10
9/10
8.6/10
Immagine
Proiettore Elephas Portatile da 4000 lumen,Lampada con Durata di 50000 Ore, Proiettore Video a LED, Supporta il Video 1080P, Compatibile con Ingressi USB/HD/SD/AV/VGA per Home Theater
Prodotto
Proiettore Elephas Portatile da 4000 lumen,Lampada con Durata di 50000 Ore, Proiettore Video a LE...
Voto Finale
9.4/10
Opinioni utenti
Prezzo consigliato
Immagine
Proiettore APEMAN 3500 Lumen Mini Portatile Videoproiettore con Doppio Speaker Durata del LED fino a 50000 Ore di Cinema Domestico Compatibile con 1080P HDMI USB VGA SD Supporto Android IOS TV Box
Prodotto
Proiettore APEMAN 3500 Lumen Mini Portatile Videoproiettore con Doppio Speaker Durata del LED fin...
Voto Finale
9.2/10
Opinioni utenti
Prezzo consigliato
Immagine
Proiettore QKK, Mini Proiettore con Custodia Portatile, 2500 Lux Video Proiettore Supporta 1080P Full HD, Compatibile con PC Smartphone Tablet HDMI VGA AV USB SD, Bianco.
Prodotto
Proiettore QKK, Mini Proiettore con Custodia Portatile, 2500 Lux Video Proiettore Supporta 1080P ...
Voto Finale
9/10
Opinioni utenti
Prezzo consigliato
Immagine
DR.Q Proiettore a 2600 Lux, Mini Proiettore, 50000 ore, il Videoproiettore supporta 1080P, Collegamento con Chiavetta USB per TV HDMI VGA AV TF, con Cavo HDMI e AV, Bianco.
Prodotto
DR.Q Proiettore a 2600 Lux, Mini Proiettore, 50000 ore, il Videoproiettore supporta 1080P, Colleg...
Voto Finale
9/10
Opinioni utenti
Prezzo consigliato
Immagine
Portatile Proiettore OTHA Mini Proiettori Portatili Android 7.1 OS da HDMI WiFi Bluetooth Digital Palmare Smartphone Home Theater
Prodotto
Portatile Proiettore OTHA Mini Proiettori Portatili Android 7.1 OS da HDMI WiFi Bluetooth Digital...
Voto Finale
8.6/10
Opinioni utenti
Prezzo consigliato

Migliori Modelli

I migliori modelli che abbiamo recensito per voi

Offerte del giorno

Sconti imperdibili e  offerte sui migliori prodotti che ogni giorno selezioniamo su Amazon

Ricerca Avanzata

Ricerca i prodotti per modello, marca, giudizio complessivo

Videoproiettori: tipologie e caratteristiche, come orientarsi nell’acquisto, i migliori modelli del 2019, recensioni

Scegliere un videoproiettore

Se si è decisi a comprare un videoproiettore, la prima considerazione da fare precedentemente all’acquisto è analizzare le ragioni per cui si ha la necessità di dotarsi di un dispositivo di questo tipo. Prima di affrontare l’argomento è opportuno precisare che non esiste (e non può esistere) un modello di videoproiettore migliore rispetto a tutti gli altri.

La domanda, quindi da porsi, non è “qual è il miglior videoproiettore?” ma “quale modello di videoproiettore può soddisfare le mie necessità?”. Ne consegue che diventa indispensabile riflettere attentamente sui motivi per cui si è giunti alla determinazione di comprare un videoproiettore, comprendere i reali bisogni e valutare le possibili limitazioni.

I motivi per acquistarne uno

Il punto di partenza, quindi, per analizzare e comprendere quali possano essere le nostre esigenze e individuare il modello di videoproiettore su misura, prevede la risposta a queste due precise domande:

  • A cosa mi serve un videoproiettore?
  • Qual è la cifra massima che sono disposto a spendere per acquistare un videoproiettore?

Fino a quando non si hanno le idee perfettamente chiare in merito alle risposte da fornire a questi due quesiti, è meglio rimandare qualsiasi possibile acquisto di un videoproiettore in quanto si rischia di comprare un modello le cui prestazioni, con molta probabilità, potrebbero risultare insoddisfacenti per l’uso effettivo che se ne deve fare.

Schermo di proiezione vs parete bianca

Trovate, quindi, le giuste e corrette risposte a queste due prime e fondamentali domande, proseguiamo nel cammino chiedendoci se assieme al videoproiettore abbiamo la necessità di acquistare anche uno schermo di proiezione o se per la visione dei contenuti da proiettare è sufficiente utilizzare una parete bianca dell’ambiente in cui è collocato il dispositivo.

Ovviamente la presenza o meno di uno schermo di proiezione è strettamente connessa al tipo di utilizzo che si deve fare del videoproiettore. In un ambiente non professionale, e quindi domestico, nell’ambito della propria casa e con un budget limitato a disposizione, la proiezione su una parete bianca o anche grigia può essere sicuramente una soluzione accettabile.

E’ importante, però, tenere presente che uno schermo ottimizza, sempre e comunque, le proiezioni di video, immagini e contenuti. Ne consegue che se si acquista un videoproiettore di fascia alta evitando di comprare lo schermo non si otterrà sicuramente il massimo delle possibili prestazioni scegliendo di proiettare i contenuti su una parete.

Dove collocare il videoproiettore

Stabilita, quindi la necessità o meno della presenza di uno schermo, è il momento di concentrarsi su un altro aspetto fondamentale per la scelta del modello di videoproiettore più idoneo alle nostre necessità:

  • C’è bisogno di utilizzare una stanza dedicata dove installare il videoproiettore?

Tenendo presente che non è strettamente necessario variare in una stanza il colore delle pareti e del soffitto piuttosto che cambiare la tappezzeria del salotto o installare un nuovo pavimento per poter godere al meglio di un sistema di videoproiezione Home theater, è, però, indispensabile comprendere che il nemico numero uno nell’ambito delle proiezioni video è la luce ambientale, composta dalla quantità di luce emessa da un’immagine proiettata che rimbalza sulla parete, sul soffitto, sui mobili e sui divani di una stanza.

Più tutti questi elementi, protagonisti della luce ambientale, sono di colore chiaro, maggiore è il livello del riflesso della luce; viceversa, più le tonalità dei colori presenti in una stanza sono scure e poco luminose, minore sarà la necessaria potenza di luminosità di cui deve essere dotato il videoproiettore per rendere la visione delle immagini di buona qualità.

In pratica, quindi, utilizzando il videoproiettore in un ambiente poco luminoso e arredato con mobili scuri o neutri è possibile ottenere con un modello di fascia media le medesime prestazioni di un dispositivo più costoso e tecnologicamente più avanzato.

Al momento della scelta del videoproiettore prima di occuparsi delle caratteristiche e specifiche tecniche, dopo avere valutato l’ambiente in cui verrà collocato il dispositivo, è opportuno calcolare con attenzione quanto spazio reale sia necessario per allestire il sistema di proiezione ed evitare, così, possibili e imprevisti problemi in fase di installazione causati, ad esempio, dalla presenza inattesa di un armadio piuttosto che di una porta.

Ecco di seguito alcuni consigli in merito allo spazio da dedicare all’Home Theater:

  • Evitare qualsiasi fonte di luce come finestre, lampade e possibili riflessi vari che siano in grado di influire in maniera diretta sui contenuti da proiettare
  • L’allestimento ideale per un videoproiettore è una sua installazione fissa in uno spazio lontano da aree di passaggio. In questo modo si evita sia il montaggio che la configurazione dell’impianto di videoproiezione ogni volta che questo necessita di essere utilizzato e lo si preserverà anche da possibili e accidentali colpi o cadute per terra.
    La soluzione migliore, quindi, è l’installazione a soffitto del video proiettore.
  • Sia se è installato a soffitto o se è posizionato sul tavolo, per ottenere la migliore possibile videoproiezione, il videoproiettore deve sempre essere posizionato perpendicolarmente al centro dello schermo di proiezione o della parete su cui si proiettano i contenuti.
  • In ogni caso, anche se a scapito della luminosità e della nitidezza della proiezione, si tenga presente che la maggiore parte dei modelli di videoproiettori sono dotati di apposita funzione destinata alla correzione delle immagini in modo da “superare” i possibili ostacoli che il fascio di luce può incontrare mentre si riflette sullo schermo di proiezione.

La distanza per una buona visione

E adesso l’ulteriore passo necessario per determinare il modello di videoproiettore più adatto alle nostre esigenze lo percorriamo trovando la risposta alla prossima domanda:

  • Quale deve essere la distanza del proiettore dallo schermo o dalla parete di proiezione?

Esiste una relazione precisa tra le dimensioni dello schermo, che in questo caso indica la larghezza e l’altezza dell’immagine proiettata, e la distanza a cui si deve posizionare il videoproiettore. Questa relazione è definita rapporto di proiezione e nonostante non esistano valori esatti e precisi in quanto possono variare in funzione del modello e della marca produttrice del videoproiettore, è possibile ottenere una distanza minima approssimativa calcolando un valore compreso tra una volta e mezzo e meno di due la misura della larghezza dello schermo di proiezione. Niente di meglio che un esempio pratico per comprendere come si calcola il rapporto di proiezione: uno schermo da 60 pollici con aspect ratio di 16:9 e una larghezza di 132,83 cm richiede una distanza compresa tra 1,80 metri e 2,65 metri.

Esistono modelli di videoproiettori definiti a breve distanza, che per le loro caratteristiche risolvono i problemi di spazio in quanto producono una buona diagonale di visione già, più o meno, a un metro di distanza. Naturalmente, se si opta per questo genere di videoproiettori, è necessario utilizzare in accoppiata una superficie di proiezione senza pieghe o onde in quanto, inevitabilmente, l’effetto visivo delle imperfezioni risulterebbe evidente ed accentuato.

Formato e risoluzione

Stabiliti gli aspetti relativi alla migliore installazione possibile del videoproiettore, è arrivato il momento di cominciare a prendere in considerazione gli aspetti tecnici e le funzionalità del videoproiettore. Il primo aspetto da prendere in considerazione quando si sceglie il videoproiettore è il formato e la risoluzione dell’immagine proiettata. Il formato e la risoluzione indicano il rapporto tra la larghezza e l’altezza dell’immagine proiettata.

RisoluzionePixelAspect ratio
SVGA800×6004:3
XGA 1024 x 7684:3
HD Ready1280×72016:9
WXGA1280 x 80016:10
SXGA1280×10245:4
UXGA 1600 x 12004:3
Full HD1980×108016:9
UHD3840×216016:9
4K4096×216021:9

Esiste un aspect ratio migliore di un’altra? Assolutamente no dal momento che il rapporto di aspetto dipende esclusivamente dal tipo di contenuti che si visionano.
I più comuni valori di aspect ratio sono:

  • 4:3 – È quasi come un quadrato ed è utilizzato per documenti tipo presentazioni e slide, film classici, diapositive, ecc.
  • 16:9 / 16:10 – Sono formati panoramici perfetti per film e canali TV in alta definizione.

I contenuti nei formati di film, come 21:9, 1.85:1, 2.35:1, 2.40:1, di solito vengono adattati per la riproduzione all’anamorfico 16: 9, sia nei dischi ottici (DVD, Blu-ray) che nei Canali TV in modo che se si vuole vedere il contenuto con le proporzioni originali sia possibile:

  • Giocare con lo zoom dell’obiettivo e alcune funzioni di regolazione dell’immagine presenti in tutti i modelli di videoproiettore (come, ad esempio, lo stretching ) per adattarlo il più possibile al formato che si sta cercando.
  • Aggiungere una lente anamorfica esterna al proiettore per modificare il rapporto di aspetto (questa soluzione è costosa e, a seconda del modello di obiettivo, è anche possibile perdere la definizione dell’immagine).

Se si ha intenzione di destinare il videoproiettore prevalentemente all’uso dell’Home cinema è bene tenere presente che i film classici, precedenti a quelli attuali sviluppati in formato panoramico, hanno un aspect ratio di 4:3. Se, quindi, si è grandi fans del cinema è indispensabile valutare la scelta di un modello di videoproiettore compatibile con questo specifico formato.

Un importante dato tecnico da valutare e tenere in considerazione è la risoluzione nativa del videoproiettore, ovvero il numero di pixel che questo dispositivo è in grado di visualizzare per formare le immagini. Più è alto il suo valore, maggiore sarà la definizione e il dettaglio di ogni singolo fotogramma.

I modelli dei videoproiettori prevedono anche, tra l’altro, diverse possibili risoluzioni. Inevitabile quindi chiedersi quale scegliere e su quali orientare la nostra attenzione. Come per le proporzioni delle immagini, ovvero il rapporto di aspetto, la scelta dipenderà dal tipo di contenuto che è più probabile venga proiettato:

  • Full HD o 1080p (1920 × 1080): perfetto per blu-ray, per video giochi, film, ecc.
  • HD o 720p (1280 × 720): per contenuti HD.
  • XGA (1024 × 768) e WXGA (1280 × 800): comuni nei portatili e ampiamente utilizzati nelle sale riunioni, nonché quelli più vecchi come VGA (640 × 480) o SVGA (800 × 600).
  • 4K – UHD (3840 × 2160): il più innovativo e in continua fase di crescita grazie alla sempre maggiore presenza sul mercato di contenuti in Ultra High Definition.

Nel caso il contenuto che si vuole visualizzare, abbia una risoluzione diversa da quella del computer a cui il videoproiettore è collegato, si verificherà il problema della presenza di distorsioni, più o meno, visibilmente evidenti.
In questo caso è opportuno risolvere il problema rispettando la risoluzione nativa del modello di videoproiettore che si utilizza.

Luminosità e contrasto

Analizzati i dettagli tecnici relativamente al formato e risoluzione dei videoproiettori, passiamo alle caratteristiche relative alla luminosità e contrasto, essenziali anch’esse per determinare la migliore qualità possibile della proiezione di un contenuto di qualsiasi tipo.

Uno dei passaggi fondamentali per scegliere un proiettore è conoscere il livello di luminosità di cui si ha effettiva necessità. La luminosità di un videoproiettore o emissione luminosa, è misurata in lumen. E’ quindi opportuno tenere conto della sorgente luminosa del modello di videoproiettore (lampada, LED o laser) poiché l’intensità, il consumo e l’efficienza di ciascuna sorgente registra valori diversi. D’altra parte è importante tenere presente che il livello di luminosità del videoproiettore influisce in modo determinante sul contrasto delle immagini.

Inevitabile porsi la domanda in merito alla necessaria quantità di lumen. E’ difficile fornire dati concreti e precisi in merito a quanti lumen dovrebbe avere un videoproiettore dal momento che i fattori che possono influenzare la proiezione sono diversi: la tecnologia, il produttore del dispositivo, l’orientamento dell’ambiente, ecc. Di seguito ecco alcuni scenari che forniscono un’idea generale in merito ai requisiti minimi di controllo della luce ambientale della stanza in cui si è deciso di installare l’impianto di videoproiezione oltre che dei vari intervalli di luminosità indicativi, che possono aiutare a decidere quale modello di videoproiettore acquistare.

  • Per Home theater
    Per la visione di film con risoluzione a 1080p sono sufficienti circa 1000 lumen; fino a 1500 lumen in base alle dimensioni della stanza e dello schermo. La funzione 3D riduce la luminosità dell’output.
  • Per la casa
    Circa 2000 lumen (forse di più, a seconda del livello di luce ambientale)
  • Per uso business / uso didattico
    2500-3500 lumen (stanze medio-piccole, con diagonale di 70 “-80”);
    3500-5000 lumen (misure medio-grandi, con diagonali grandi).
  • Per un bar e ritrovi pubblici (sport, eventi celebrativi)
    4000-6000 lumen (schermi di grandi dimensioni, presenza di pubblico sparso)
  • Per presentazioni (piccole stanze, poche persone)
    Proiettori portatili (LED, circa 1000 lumen)
  • Per esterno con luce diurna (anche di notte)
    da 4000 lumen (di più nel caso di proiezioni diurne).

Parliamo adesso di contrasto, altra caratteristica essenziale nel determinare il migliore modello di videoproiettore compatibile con le nostre esigenze di visione. Quando si affronta l’argomento del contrasto nell’ambito della videoproiezione si intende il rapporto tra la luce e l’oscurità (bianco e nero) di cui è dotato il videoproiettore.
Cosa si intende per valori di contrasto normali di un proiettore?
In sintesi:

  • Contrasto nativo o contrasto on-off: differenza di luminosità tra uno schermo bianco totale e uno schermo nero totale.
  • Contrasto dinamico: riflette la regolazione aggiuntiva che il videoproiettore incorpora per variare la luminosità della lampada in base al livello di chiarezza del fotogramma.
  • Contrasto ANSI: quando si proietta un motivo di quadrati bianche e neri nello stesso fotogramma. viene misurata la differenza media di luminosità (rapporto tra luminosità bianca e luminosità residua nera).

I valori di contrasto nativi da 2000:1 forniscono una buona risposta di proiezione; se sono maggiori è meglio in quanto un contrasto alto nativo è da preferire a un contrasto alto dinamico. Nel caso del contrasto ANSI, qualora siano indicati nelle specifiche tecniche del modello di videoproiettore a cui si è interessati, si tenga presente che i valori 1:1000 sono da ritenersi alti e, di conseguenza, soddisfacenti.

In teoria, quindi, più alti sono i valori di contrasto, migliore sarà la qualità dell’immagine. In pratica, però, questa relazione non è così diretta e consequenziale, in quanto vi sono fattori la cui presenza influenza notevolmente il livello di contrasto di un’immagine proiettata:

  • La luce ambientale è quella che ha maggiore influenza sui livelli di contrasto. Infatti il colore delle pareti, del soffitto, dei mobili e dei divani della stanza in cui è installato il sistema di videoproiezione determinano in modo incisivo il contrasto, in particolare se sono chiari. E’ sufficiente una piccola variazione del livello di luce della stanza per fare si che il contrasto aumenti o diminuisca notevolmente, specialmente quello ANSI.
  • Lo schermo di proiezione, se presente, consente di ottenere un buon livello di contrasto. Il medesimo risultato si può ottenere utilizzando stanza dedicate alla videoproiezione.
  • La tecnologia avanzata dei videoproiettori DLP tende ad offrire un contrasto ANSI più elevato rispetto ai modelli LCD e LCOS; ed è questo il motivo per cui si ottiene una nitidezza nelle immagini a differenza di quelle dei videoproiettori proiettori LCD / LCOS che, invece, tendono ad ammorbidirle.
  • La fonte della luce ha un ruolo incisivo in materia di contrasto. In generale, infatti, i LED e i laser offrono una risposta di contrasto migliore rispetto alle lampade.

Appurato tutto ciò non resta che stabilire quale possa essere il tipo di contrasto che maggiormente ci interessa in funzione delle personali esigenze di videoproiezione. Semplificando, si può affermare che il contrasto nativo migliora il contenuto con un più altro livello di oscurità, mentre un contrasto ANSI migliora in funzione della chiarezza del fotogramma. Ne consegue che l’ideale sarebbe affidarsi a un videoproiettore con livelli elevati sia di contrasto nativo che ANSI e collocarlo in un ambiente dedicato ben oscurato e con pareti e mobili di colore neutro. E’ altrettanto evidente che questa non è la situazione più comune dato che in pochi hanno la possibilità di destinare una stanza della casa esclusivamente all’Home theater.

La cosa migliore, quindi, è scegliere un modello di videoproiettore dotato di diaframma dinamico e, per apprezzare al 100% il contrasto ANSI, installarlo in una stanza di cui si abbia il quasi totale controllo della luce ambientale.

Tecnologia dei videoproiettori

A questo punto, dopo avere analizzato gli aspetti funzionali più importanti di un videoproiettore, possiamo entrare in merito alla scelta del tipo di tecnologia che caratterizza i diversi modelli di videoproiettori. Attualmente, sono tre le possibili scelte: videoproiettori con tecnologia LCD, DLP o LCOS. Qual è il migliore? Ognuno di questi videoproiettori registra i pro e i contro; quindi, definiti i singoli effettivi bisogni, sulla base delle diverse particolarità, è possibile stabilire quale possa essere, per le nostre esigenze, la migliore tecnologia a cui affidarsi:

VIDEOPROIETTORI LCD

Vantaggi

  • Colori brillanti (buon livello di saturazione)
  • Alti livelli di luminosità
  • Silenziosi
  • Prezzi economici
  • Lens shift – lens shift – high (facilita l’installazione in caso di presenza di ostacoli).

Svantaggi:

  • Pesano e occupano più spazio
  • L’interno non è completamente sigillato (a differenza del DLP e della maggior parte degli LCOS) così da evitare che possa entrare polvere con la conseguente necessità di pulire frequentemente i filtri
  • Uso della lampada:necessità di rispettare il tempo di attesa per l’accensione (la lampada deve essere riscaldata per funzionare) e per lo spegnimento (con temperature elevate la lampada è più sensibile ai colpi improvvisi).
  • Nel tempo la lampada si degrada (in base alla ore di utilizzo del videoproiettore) e deve essere sostituita (il costo non è economico)
  • ANSI a basso contrasto

PROIETTORI DLP
Sono previsti modelli a 1 chip – che generano colore con una ruota aggiuntiva – e modelli a 3 chip – ovvero un chip per colore RGB base.

Pro:

  • ANSI ad alto contrasto.
  • Buona definizione dell’immagine
  • Buona scala di grigi.
  • Meno dimensioni e peso rispetto al videoproiettore LCD.

Contro:

  • Bassa capacità di spostamento dell’obiettivo (moelli a 1 chip).
  • Rumore prodotto dalla ruota dei colori (modelli a 1 chip).
  • Possono generare un effetto visivo tipo arcobaleno (non tutte le persone sono sensibili ad esso).
  • Prezzo elevato (modelli a 3 chip).

PROIETTORI LCOS

Vantaggi:

  • Immagini morbide e naturali (struttura pixel quasi impercettibile).
  • Colori vivaci
  • Profondità dei neri
  • Buona scala di grigi
  • Alto contrasto on-off
  • Buona risposta con le immagini di movimento

Svantaggi:

  • Contrasto ANSI inferiore.
  • Prezzi elevati (anche se ci sono alcuni modelli di proiettori portatili a prezzi accessibili).

Audio

Stabilita la migliore tecnologia in grado di soddisfare le nostre necessità di videoproiezione, passiamo ad affrontare un altro aspetto essenziale ovvero l’audio. Anche in questo caso, dipende dai singoli bisogni considerare la presenza dell’audio in un sistema di videoproiezione come un elemento essenziale piuttosto che un optional.

Gli altoparlanti in dotazione con i videoproiettori in linea di massima sono di medio-bassa qualità e, di conseguenza se si intende utilizzare il proiettore per l’Home theater sicuramente non devono essere considerati come un optional. In questo caso, è opportuno scegliere un modello di video proiettore dotato di un’uscita audio, così da collegarlo con un dispositivo Hi-Fi.

Se, invece, si possiede un videoproiettore che non è dotato dell’apposita uscita audio è possibile affidarsi a soluzioni alternative come quelle, ad esempio, che, utilizzando elementi aggiuntivi, riescono a separare il segnale HDMI in video + suono consentendogli, così, di trattare in modo indipendente la parte video sul proiettore e quella audio per gli altoparlanti.

Videoproiettori e collegamenti ad altri dispositivi

Quando si sceglie un videoproiettore, è indispensabile prendere in considerazione anche la possibilità di poterlo collegare con altri dispositivi. In pratica il sistema di collegamenti in dotazione con un videoproiettore determina da quali fonti sia possibile proiettare i contenuti. Di conseguenza è importante valutare con attenzione anche questo aspetto in quanto implica quanti e quali sono i tipi di connettori in dotazione con il videoproiettore, essenziali per soddisfare le esigenze individuali di proiezione dei contenuti.
Ecco le connessioni standard e di base per un videoproiettore:

  • HDMI. L’ingresso digitale ad alta definizione per eccellenza: Blu-ray, console videogiochi e tanti altri dispositivi possono essere collegati al videoproiettore tramite collegamento HDMI utilizzando cavi di lunghezza fino a 10 metri (dal costo non eccessivamente elevato) bypassando così eventuali collegamenti WIFI nel caso non sia possibile riuscire ad effettuarli.
  • USB e SD. Ideali per chi utilizza il videoproiettore in ambito business. Se il modello di videoproiettore è dotato di collegamenti di questo tipo, infatti, diventa possibile aprire direttamente con questo solo dispositivo, senza il supporto del computer, i files delle presentazioni e delle slide.
  • VGA. Collegamento standard per collegare l’uscita di computer o laptop (se si intende collegare un dispositivo Apple è necessario utilizzare adattatori speciali).
  • Wireless / Wi-Fi. Con l’avanzare della tecnologia, le barriere iniziali di larghezza di banda sono state superate e attualmente sono disponibili sul mercato videoproiettori in grado di trasmettere contenuti a 1080p senza problemi di riproduzione. Alcuni modelli hanno una connessione wireless integrata (via wi-fi) mentre altri richiedono un dispositivo aggiuntivo, solitamente da collegare via usb.

Scegliere un modello per il settore business

L’utilizzo del videoproiettore va oltre l’Home theater trovando ampi spazi di utilizzo nel settore del business e in quello didattico e formativo. Anche in questi ambiti, non esiste il migliore videoproiettore in assoluto ma sicuramente è possibile individuare il dispositivo delle giuste caratteristiche e delle prestazioni necessarie per le singole e individuali esigenze di videoproiezione.

Quando si ha la necessità di acquistare un videoproiettore ad uso professionale (aziendale o didattico) è necessario prendere in considerazione soluzioni che consentano di ottenere le migliori prestazioni possibili di videoproiezione applicando la tecnologia più opportuna, in funzione dei diversi e possibili ambienti e relativi eventi. Utilizzare dispositivi dotati della tecnologia più avanzata, aumentare la produttività delle riunioni del settore vendita e massimizzare lo spazio della sala conferenze, rappresentano per una azienda alcuni dei fattori chiave per un corretto e vincente processo decisionale.

A differenza dell’ambito domestico, sicuramente nel settore del business ed educational, un aspetto molto importante da tenere in considerazione nel momento in cui si decide di acquistare un videoproiettore è quello relativo al peso, alla compattezza e alla trasportabilità del dispositivo oltre alle dimensioni e alla risoluzione delle immagini. Sul mercato possiamo trovare modelli di videoproiettori di diverso peso e dimensione, anche piccoli, compatti e leggeri oppure di grandi dimensioni, destinati a installazioni permanenti in grandi sale e auditorium.

Normalmente le presentazioni, i seminari e le conferenze aziendali vengono svolte in più e diversi luoghi. Per molte aziende o enti di formazione ne consegue la necessità di fornirsi di un sistema di videoproiezione compatto che sia leggero da trasportare, semplice da posizionare su un tavolo o una superficie piana e rapido da installare. Se, quindi, si ha bisogno di un videoproiettore da portarsi dietro alle riunioni di lavoro per le presentazioni oppure in una sala conferenze per un seminario, è opportuno concentrare l’attenzione sull’acquisto di un modello dalla giusta dimensione e peso.

Un altro interrogativo che le aziende devono porsi nel momento della scelta di un videoproiettore, è inerente al tipo di file e immagini che normalmente e in linea di massima si ha la necessità di proiettare. Fondamentalmente esistono quattro tipi di immagini che possono essere visualizzate su un videoproiettore: dati, video, fotografie, videogiochi.

I videoproiettori ad uso professionale proiettano dati, informazioni, presentazioni, fogli di calcolo, file pdf, ecc e sono meno focalizzati sulle immagini e i video come accade, invece, per i modelli destinati all’Home theater. La soluzione ideale sarebbe quella che ci consente di abbinare la risoluzione nativa del videoproiettore con quella che si usa più frequentemente, ricordando che i videoproiettori possono ridimensionare le immagini al di sopra o al di sotto della loro risoluzione nativa ma, in ogni caso e comunque, l’immagine ne risulterà parzialmente compromessa.

Per la proiezione di video, sicuramente il formato Wide screen è irrinunciabile per quanto, anche nel caso della proiezione di dati, le risoluzioni di questo tipo stanno diventando sempre più di uso comune.
Se creiamo le nostre presentazioni su un notebook è opportuno che anche il videoproiettore consenta una proiezione Wide screen così da evitare il più possibile la distorsione delle immagini una volta proiettate su schermo. Si tenga comunque presente che se la maggiore parte dei contenuti da proiettare sono costituiti da file excel, word, pdf, ecc, è sufficiente scegliere un modello di videoproiettore dotato di una risoluzione HD Ready 720p, pari a 1280 x 720 pixel e un rapporto di aspetto di 16/9.

In ambito business e didattico diventa essenziale e irrinunciabile orientare la scelta verso un modello di videoproiettore integrato da un lettore usb che consenta di leggere direttamente i file da proiettare evitando così di dovere utilizzare un computer da collegare al dispositivo. Importante e ormai praticamente essenziale, la presenza della funzione wifi e mirroning così da poter inviare e scambiare contenuti direttamente con il proprio smartphone.

Caratteristiche essenziali dei videoproiettori professionali

Vi sono poi alcune funzioni e caratteristiche fondamentali che determinano la distinzione tra un videoproiettore ad uso domestico ed uno di tipo professionale e in sintesi sono:

  • Operatività quotidiana e continua di almeno 12 ore
  • Una bassa rumorosità
  • Evitare il surriscaldamento
  • Zoom ottico
  • Funzioni Keystone e Lens shift per migliorare e/o regolare la proiezione delle immagini.

Se la luminosità e la distanza di visione sono aspetti importanti da tenere in considerazione, quando si sceglie un modello di videoproiettore, in ambito professionale, sono addirittura essenziali. La luminosità è sicuramente fondamentale dal momento che determina il possibile utilizzo o meno del videoproiettore in specifiche circostanze e ambienti. Infatti se la videoproiezione deve essere eseguita in spazi e luoghi all’esterno diventa indispensabile utilizzare videoproiettori con una capacità luminosa molto elevata.

Altro aspetto essenziale è il calcolo della distanza che si ha tra lo schermo e lo spazio in cui si posiziona il videoproiettore. E’ importante, quindi, scegliere un modello che ci offra la possibilità di proiettare immagini, video e presentazioni in ambienti e spazi di diverse dimensioni, in modo da permettere al pubblico la migliore visione possibile dei contenuti da proiettare.

Tecnologia di ultima generazione

In ambito business l’acquisto di un videoproiettore rappresenta un investimento aziendale e proprio per questo motivo affidarsi a dispositivi tecnologicamente all’avanguardia si dimostra sempre una scelta vincente. I videoproiettori professionali di ultima generazione sono tra l’altro dotati di funzioni innovative che ampliano notevolmente le occasioni di utilizzo di un dispositivo di questo tipo. I videoproiettori, infatti, si stanno trasformando in strumenti interattivi consentendone l’utilizzo in videoconferenze a distanza condividendo le proiezioni con più persone dislocate in più e diversi luoghi.

Jusy Accetta

E’ dal 1996 che mi occupo di scrittura per il web. Da allora scrivo e condivido con i lettori contenuti coinvolgenti ed esaustivi per fornire risposte accurate alle loro domande. Sicuramente l’aspetto più difficile è riuscire a trovare la “parola giusta” quella necessaria per regalare valore aggiunto a un testo. E questo è il mio lavoro.

Prodotti più recensiti

Migliori prodotti recensiti

Prodotti in Offerta

Back to top
Migliore Videoproiettore